Apostoli della Divina Misericordia

Sito della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace O.N.L.U.S.

facebook

Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace

SINTESI CCC - SCHEDA 3_8

Il Settimo Comandamento
Scarica il testo

 

SINTESI CATECHISMO della CHIESA CATTOLICA

PARTE TERZA "LA VITA IN CRISTO".


SCHEDA 3_7 = IL SETTIMO COMANDAMENTO

 

Premessa: il settimo comandamento proibisce di prendere o tenere ingiustamente i beni del prossimo; prescrive la giustizia e la carità nella gestione dei beni materiali e del frutto del lavoro umano.

 

Destinazione universale e proprietà privata: all’inizio, Dio ha affidato la terra e le sue risorse alla gestione comune dell’umanità. L’appropriazione dei beni è legittima al fine di garantire la libertà e la dignità delle persone, di aiutare ciascuno a soddisfare i propri bisogni fondamentali e i bisogni di coloro cui ha la responsabilità. Il diritto alla proprietà privata non elimina la destinazione universale dei beni, che resta prioritaria.

 

Rispetto delle persone e dei loro beni: in materia economica occorrono la temperanza per moderare l’attaccamento ai beni di questo mondo, la giustizia per rispettare i diritti del prossimo, e la solidarietà, seguendo la regola aurea secondo cui il Signore, da ricco che era, si è fatto povero per noi, perché noi diventassimo ricchi per mezzo della sua povertà.

Il settimo comandamento proibisce il furto. Tuttavia, non si ha furto se è contrario alla destinazione universale dei beni, come in casi di necessità urgente (cibo, rifugio, nutrimento,…). Ogni modo di prendere e di tenere ingiustamente i beni del prossimo è contrario al settimo comandamento, come tenere deliberatamente cose avute in prestito, commettere frode nel commercio, pagare salari ingiusti e alzare i prezzi speculando sull’ignoranza o sul bisogno altrui. Sono pure moralmente illeciti la speculazione, con la quale si agisce per far artificiosamente variare la stima dei beni, in vista di trarne un vantaggio a danno degli altri; la corruzione, con la quale si svia il giudizio di coloro che prendono decisioni in base al diritto; i lavori eseguiti male, al frode fiscale, la contraffazione di assegni e di fatture.

In forza della giustizia commutativa, la riparazione dell’ingiustizia commessa esige la restituzione al proprietario di ciò di cui è stato derubato, come nell’episodio di Zaccheo (Lc 19,8). I giochi d’azzardo e le scommesse sono in se stesse contrari alla giustizia.

Il settimo comandamento proibisce inoltre l’asservimento di esseri umani, per venderli o scambiarli come fossero merci.

 

Rispetto dell’integrità della Creazione: il settimo comandamento esige il religioso rispetto dell’integrità della creazione. A tal proposito, si possono amare gli animali, ma non si devono fare oggetto di quell’affetto che è dovuto soltanto alle persone.

 

La dottrina sociale della Chiesa: nasce nel secolo XIX, all’epoca dell’impatto del Vangelo con la moderna società industriale, le sue nuove strutture per i beni di consumo.

La Chiesa propone principi di riflessione, criteri di giudizio, orientamenti per l’azione:

-         una teoria che fa del profitto la regola esclusiva e il fine ultimo dell’attività economica è moralmente inaccettabile;

-         si rifiutano le teorie totalitarie e atee associate, come comunismo e socialismo, come anche il capitalismo che antepongono alla dignità della persona la legge di mercato.

 

Il lavoro: esalta i talenti ricevuti. Può anche essere redentivo: sopportando la penosa fatica del lavoro in unione con Gesù, l’artigiano di Nazareth e il crocifisso del Calvario, l’uomo in un certo modo coopera con il Figlio di Dio nella sua opera redentrice, per questo può essere mezzo di santificazione.

Lo sciopero è moralmente legittimo quando appare come lo strumento inevitabile – o per lo meno necessario – per un vantaggio proporzionato. Diventa moralmente inaccettabile quando è accompagnato da violenze.

 

Giustizia e solidarietà fra nazioni: a livello internazionale, la disuguaglianza delle risorse e dei mezzi economici è tale da provocare un fossato fra le nazioni.

Le nazioni ricche hanno una grave responsabilità morale nei confronti di quelle che da se stesse non possono assicurarsi i mezzi del proprio sviluppo. L’aiuto diretto costituisce una risposta adeguata. Occorre anche riformare le istituzioni economiche e finanziarie internazionali perché possano promuovere rapporti equi con i paesi meno sviluppati.

 

L’amore per i poveri: l’amore della Chiesa per i poveri appartiene alla sua costante tradizione.

Le opere di misericordia sono le azioni caritatevoli con le quali soccorriamo il nostro prossimo nelle sue necessità corporali e spirituali. Istruire, consigliare, consolare, confortare sono opere di misericordia spirituale, come perdonare e sopportare con pazienza. Le opere di misericordia corporale consistono segnatamente nel dare da mangiare a chi ha fame, nell'ospitare i senza tetto, nel vestire chi ha bisogno di indumenti, nel visitare gli ammalati e i prigionieri, nel seppellire i morti. Tra queste opere, fare l'elemosina ai poveri è una delle principali testimonianze della carità fraterna: è pure una pratica di giustizia che piace a Dio.

 

 

 

 

 

Articoli Recenti:

Giornalino Dicembre 2020

Giornalino Dicembre 2020

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

QUARTO MANUALE di preghiera

QUARTO MANUALE
Diretta VideoDiretta Video:
Vedi a tutto schermo »

Messaggi:

Messaggio, 25. ottobre 2021

''Cari figli! Ritornate alla preghiera perché chi prega non ha paura del futuro. Chi prega è aperto alla vita e rispetta la vita degli altri. Chi prega, figlioli, sente la libertà dei figli di Dio e con cuore gioioso serve per il bene dell'uomo fratello. Perché Dio è amore e libertà. Perciò, figlioli, quando vogliono mettervi delle catene e usarvi questo non viene da Dio perché Dio è amore e dona la Sua pace ad ogni creatura. Perciò mi ha mandato per aiutarvi a crescere sulla via della santità. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.''

continua »

Messaggio, 25. settembre 2021

''Cari figli! Pregate, testimoniate e gioite con me perché l'Altissimo mi manda ancora per guidarvi sulla via della santità. Siate coscienti, figlioli, che la vostra vita è breve e l'eternità vi aspetta affinché con tutti i santi glorifichiate Dio con il vostro essere. Non preoccupatevi, figlioli, per le cose terrene ma anelate al Cielo. Il Cielo sarà la vostra meta e la gioia regnerà nel vostro cuore. Sono con voi e vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.''

continua »
Catechesi  preparata da p. Francesco e proposta nell'imminenza della Santa Pasqua come aiuto per accostarsi con fiducia al Sacramento della Riconciliazione per invocare e accogliere la Misericordia del Padre.
DIECI ANNI di CAMMINO - In questo video una panoramica sui dieci anni di cammino della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace, attraverso frammenti dei Convegni e delle Giornate Mariane di preghiera a lode di Dio e della Madre Santissima.
P. Francesco, il fondatore, racconta la genesi e la spitualità  degli "Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace".