Apostoli della Divina Misericordia

Sito della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace O.N.L.U.S.

facebook

Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace

SINTESI CCC - SCHEDA 3_8

Il Settimo Comandamento
Scarica il testo

 

SINTESI CATECHISMO della CHIESA CATTOLICA

PARTE TERZA "LA VITA IN CRISTO".


SCHEDA 3_7 = IL SETTIMO COMANDAMENTO

 

Premessa: il settimo comandamento proibisce di prendere o tenere ingiustamente i beni del prossimo; prescrive la giustizia e la carità nella gestione dei beni materiali e del frutto del lavoro umano.

 

Destinazione universale e proprietà privata: all’inizio, Dio ha affidato la terra e le sue risorse alla gestione comune dell’umanità. L’appropriazione dei beni è legittima al fine di garantire la libertà e la dignità delle persone, di aiutare ciascuno a soddisfare i propri bisogni fondamentali e i bisogni di coloro cui ha la responsabilità. Il diritto alla proprietà privata non elimina la destinazione universale dei beni, che resta prioritaria.

 

Rispetto delle persone e dei loro beni: in materia economica occorrono la temperanza per moderare l’attaccamento ai beni di questo mondo, la giustizia per rispettare i diritti del prossimo, e la solidarietà, seguendo la regola aurea secondo cui il Signore, da ricco che era, si è fatto povero per noi, perché noi diventassimo ricchi per mezzo della sua povertà.

Il settimo comandamento proibisce il furto. Tuttavia, non si ha furto se è contrario alla destinazione universale dei beni, come in casi di necessità urgente (cibo, rifugio, nutrimento,…). Ogni modo di prendere e di tenere ingiustamente i beni del prossimo è contrario al settimo comandamento, come tenere deliberatamente cose avute in prestito, commettere frode nel commercio, pagare salari ingiusti e alzare i prezzi speculando sull’ignoranza o sul bisogno altrui. Sono pure moralmente illeciti la speculazione, con la quale si agisce per far artificiosamente variare la stima dei beni, in vista di trarne un vantaggio a danno degli altri; la corruzione, con la quale si svia il giudizio di coloro che prendono decisioni in base al diritto; i lavori eseguiti male, al frode fiscale, la contraffazione di assegni e di fatture.

In forza della giustizia commutativa, la riparazione dell’ingiustizia commessa esige la restituzione al proprietario di ciò di cui è stato derubato, come nell’episodio di Zaccheo (Lc 19,8). I giochi d’azzardo e le scommesse sono in se stesse contrari alla giustizia.

Il settimo comandamento proibisce inoltre l’asservimento di esseri umani, per venderli o scambiarli come fossero merci.

 

Rispetto dell’integrità della Creazione: il settimo comandamento esige il religioso rispetto dell’integrità della creazione. A tal proposito, si possono amare gli animali, ma non si devono fare oggetto di quell’affetto che è dovuto soltanto alle persone.

 

La dottrina sociale della Chiesa: nasce nel secolo XIX, all’epoca dell’impatto del Vangelo con la moderna società industriale, le sue nuove strutture per i beni di consumo.

La Chiesa propone principi di riflessione, criteri di giudizio, orientamenti per l’azione:

-         una teoria che fa del profitto la regola esclusiva e il fine ultimo dell’attività economica è moralmente inaccettabile;

-         si rifiutano le teorie totalitarie e atee associate, come comunismo e socialismo, come anche il capitalismo che antepongono alla dignità della persona la legge di mercato.

 

Il lavoro: esalta i talenti ricevuti. Può anche essere redentivo: sopportando la penosa fatica del lavoro in unione con Gesù, l’artigiano di Nazareth e il crocifisso del Calvario, l’uomo in un certo modo coopera con il Figlio di Dio nella sua opera redentrice, per questo può essere mezzo di santificazione.

Lo sciopero è moralmente legittimo quando appare come lo strumento inevitabile – o per lo meno necessario – per un vantaggio proporzionato. Diventa moralmente inaccettabile quando è accompagnato da violenze.

 

Giustizia e solidarietà fra nazioni: a livello internazionale, la disuguaglianza delle risorse e dei mezzi economici è tale da provocare un fossato fra le nazioni.

Le nazioni ricche hanno una grave responsabilità morale nei confronti di quelle che da se stesse non possono assicurarsi i mezzi del proprio sviluppo. L’aiuto diretto costituisce una risposta adeguata. Occorre anche riformare le istituzioni economiche e finanziarie internazionali perché possano promuovere rapporti equi con i paesi meno sviluppati.

 

L’amore per i poveri: l’amore della Chiesa per i poveri appartiene alla sua costante tradizione.

Le opere di misericordia sono le azioni caritatevoli con le quali soccorriamo il nostro prossimo nelle sue necessità corporali e spirituali. Istruire, consigliare, consolare, confortare sono opere di misericordia spirituale, come perdonare e sopportare con pazienza. Le opere di misericordia corporale consistono segnatamente nel dare da mangiare a chi ha fame, nell'ospitare i senza tetto, nel vestire chi ha bisogno di indumenti, nel visitare gli ammalati e i prigionieri, nel seppellire i morti. Tra queste opere, fare l'elemosina ai poveri è una delle principali testimonianze della carità fraterna: è pure una pratica di giustizia che piace a Dio.

 

 

 

 

 

Articoli Recenti:

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

QUARTO MANUALE di preghiera

QUARTO MANUALE

Delegati e responsabili Cenacoli Assisi 2019

Delegati e responsabili Cenacoli Assisi 2019
Diretta VideoDiretta Video:
Vedi a tutto schermo »

Messaggi:

Messaggio, 25. giugno 2020

Cari figli! Ascolto le vostre suppliche e preghiere ed intercedo per voi presso mio Figlio Gesù che è via, verità e vita. Figlioli, ritornate alla preghiera e aprite i vostri cuori in questo tempo di grazia ed incamminatevi sulla via della conversione. La vostra vita è passeggera e non ha senso senza Dio. Perciò sono con voi per guidarvi verso la santità della vita affinchè ciascuno di voi scopra la gioia di vivere. Figlioli, vi amo tutti e vi benedico con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

continua »

Messaggio, 25. maggio 2020

Cari figli! Pregate con Me per la vita nuova di tutti voi. Figlioli, nei vostri cuori sapete cosa deve cambiare: ritornate a Dio ed ai Suoi Comandamenti affinché lo Spirito Santo possa cambiare le vostre vite ed il volto di questa terra, che ha bisogno del rinnovamento nello Spirito. Figlioli, siate preghiera per tutti coloro che non pregano, siate gioia per tutti coloro che non vedono una via d'uscita, siate portatori della luce nelle tenebre di questo tempo inquieto. Pregate e chiedete l'aiuto e la protezione dei santi affinché anche voi possiate bramare il cielo e le realtà celesti. Io sono con voi e vi proteggo e vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

continua »
Catechesi  preparata da p. Francesco e proposta nell'imminenza della Santa Pasqua come aiuto per accostarsi con fiducia al Sacramento della Riconciliazione per invocare e accogliere la Misericordia del Padre.
DIECI ANNI di CAMMINO - In questo video una panoramica sui dieci anni di cammino della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace, attraverso frammenti dei Convegni e delle Giornate Mariane di preghiera a lode di Dio e della Madre Santissima.
P. Francesco, il fondatore, racconta la genesi e la spitualità  degli "Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace".