Apostoli della Divina Misericordia

Sito della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace O.N.L.U.S.

facebook

Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace

SINTESI CCC - SCHEDA 3_0

La dignità della persona umana
Scarica il testo 

 

SINTESI CATECHISMO della CHIESA CATTOLICA

PARTE TERZA "LA VITA IN CRISTO".


SCHEDA 3_0 = LA DIGNITÀ DELLA PERSONA UMANA

 

Premessa: la dignità della persona umana ha fondamento nell’immagine e somiglianza di Dio (art. 1), compimento nella beatitudine (art. 2), a cui tende (art. 3); con i suoi atti (art. 4) si comporta secondo coscienza (art. 5) e in una comunità (art. 6); con l’aiuto della grazia (art. 7) evita il peccato (art. 8) per perfezionarsi nella carità.

 

L’uomo a immagine di Dio: Cristo, rivelando il mistero del Padre, svela anche pienamente l’uomo; è in Cristo che l’immagine divina è stata restaurata nella sua bellezza originaria. Dotata di un’anima spirituale e immortale, la persona umana è la sola in terra che Dio abbia voluta per se stessa. Grazie alla ragione è capace di comprendere l’ordine delle cose stabilito dal Creatore.

Grazie alla volontà è capace di orientarsi verso il bene; è dotato di libertà, l’esercizio della vita morale ne attesta la dignità. Tentato dal maligno, però, abusò della libertà: conserva il desiderio del bene ma è incline al male. Con la sua passione, Cristo però ci ha liberati da Satana: chi crede in Lui, diventa figlio di Dio, perciò la vita morale nella grazia sboccia in vita eterna, nella gloria del cielo.

 

La nostra vocazione alla beatitudine: le beatitudini sono al centro della predicazione di Gesù: esse esprimono la vocazione dei fedeli, illuminano le azioni, sono le promesse che sorreggono la speranza, sono inaugurate nella vita della Vergine e di tutti i santi.

Rendendoci partecipi della natura divina, oltrepassano l’intelligenza e sono dette soprannaturali. Le beatitudini ci invitano inoltre a purificare il nostro cuore e ci insegnano la vera felicità.

Decalogo, Discorso montagna e Catechesi apostolica descrivono le vie che conducono al cielo.

 

Libertà: Dio non volle lasciare l’uomo in balia del suo volere (Sir 15,14), perché così esso cerchi spontaneamente il suo Creatore. La libertà è il potere di agire o non agire, di fare questo o quello; grazie al libero arbitrio, ciascuno dispone di sé: la libertà è una forza di crescita e di maturazione nella verità. Noi crediamo che raggiunge la sua perfezione quando è ordinata a Dio.

La libertà rende l’uomo responsabile dei suoi atti: la responsabilità di un’azione è sminuita o annullata dall’ignoranza, dall’inavvertenza, dalle abitudini e da altri fattori psichici o sociali.

Dalla storia della salvezza, apprendiamo che l’uomo ha liberamente peccato, rifiutando il disegno di Dio è divenuto schiavo del peccato. È quindi falso pretendere che l’uomo sia un individuo sufficiente a se stesso: con la sua croce gloriosa, Cristo ha ottenuto la salvezza di tutti gli uomini, li ha riscattati da peccato che li teneva in schiavitù. La grazia di Cristo no si contrappone con la nostra libertà, quando questa è in sintonia con il senso della verità e del bene che Dio ha messo nel cuore dell’uomo. Quanto più siamo docili agli impulsi della grazia, tanto più cresce la nostra libertà interiore e la sicurezza nelle prove come pure di fronte alle pressioni del mondo esterno.

 

Moralità: le fonti della moralità dipende da oggetto, intenzione, circostanze. L’oggetto è la materia dell’atto; l’intenzione è essenziale per qualificare l’atto: un’intenzione buona (aiutare il prossimo) non rende lecito un comportamento scorretto (maldicenza). Al contrario, una intenzione cattiva (vanagloria) rende cattivo un atto quale l’elemosina. Le circostanze sono elementi secondari: concorrono ad aggravare o a ridurre la bontà o la malizia degli atti, quale la somma di una rapina.

L’atto buono suppone la bontà di oggetto, intenzione e circostanza; un fine cattivo corrompe la buona intenzione, ad es. pregare per essere visto dagli altri; l’oggetto della scelta può viziare tutto il resto: la fornicazione, ad esempio, è sempre sbagliata. Ci sono poi atti che sono sempre gravemente illeciti, come bestemmia, omicidio e adulterio.

 

Passioni: si intende agire secondo istinto o sentimento, emozioni o moti della sensibilità. Le passioni in sé non sono né buone né cattive: possono essere assunti nelle virtù o pervertiti nei vizi. Le passioni principali sono l’amore e l’odio, il desiderio e il timore, la gioia, la tristezza e la collera.

 

La coscienza: l’uomo ha una legge scritta da Dio dentro al suo cuore. La coscienza è il sacrario dell’uomo, dove egli si trova solo con Dio (GS 16). La coscienza morale ingiunge di compiere il bene e di evitare il male. È attraverso il giudizio della propria coscienza che l’uomo percepisce e riconosce i precetti della legge divina. Tale ricerca di interiorità è quanto mai necessaria.

La dignità della persona umana implica ed esige la rettitudine della coscienza morale. La verità sul bene morale è concretamente riconosciuta attraverso il giudizio prudente della coscienza, la quale permette di assumere la responsabilità degli atti compiuti.

La formazione della coscienza è compito di tutta la vita. Fin dai primi anni dischiude al bambino la conoscenza e la pratica della legge interiore, guarisce dall’egoismo, dall’orgoglio, garantisce la pace genera la pace del cuore. Nella formazione della coscienza la Parola di Dio è luce sul nostro cammino, nella fede e nella preghiera. Dobbiamo anche esaminare la nostra coscienza rapportandoci alla croce del Signore. l’uomo si sforza di interpretare i dati dell’esperienza e i segni dei tempi con la virtù della prudenza. Alcune norme valgono in ogni caso: non è mai consentito fare il male perché ne derivi il bene; la regola d’oro: “Tutto quanto volete facciano a voi, fatelo agli altri” (Mt 7,12); la carità passa sempre attraverso il rispetto del prossimo.

Il giudizio erroneo è imputabile alla responsabilità personale: ciò avviene quando la coscienza diventa quasi cieca in seguito all’abitudine del peccato. All’origine possono esserci cattivi esempi, schiavitù delle passioni, pretesa di falsa autonomia della coscienza, mancanza di conversione. Se, al contrario, il giudizio è senza responsabilità, il male non può essere imputato.

 

Virtù: disposizione abituale a fare il bene. Le virtù regolano i nostri atti e guidano la nostra volontà. Quattro di esse sono cardine, perché le altre si raggruppano intorno ad esse. La prudenza dispone la ragione pratica a discernere in ogni circostanza il nostro vero bene e a scegliere i mezzi adeguati per compierlo. Non si confonde con la timidezza o con la doppiezza. La giustizia consiste nella volontà di dare a Dio e al prossimo ciò che è loro dovuto. La fortezza assicura la costanza e la fermezza nella ricerca del bene. La temperanza è la virtù morale che rende capaci di equilibrio nell’uso dei beni creati. Le virtù umane sono elevate dalla grazia divina.

Le virtù umane sono radicate in quelle teologali, che rendono le facoltà dell’uomo idonee a partecipare alla vita divina. Caratterizzano l’agire morale del cristiano. A differenza delle virtù umane – che sono frutto del nostro sforzo – quelle teologali sono infuse da Dio nell’anima per renderli capaci di agire e meritare la vita eterna. Esse sono tre. La fede è la virtù teologale per la quale noi crediamo in Dio e a tutto ciò che Egli ha detto e rivelato, e che la Chiesa ci propone di credere perché egli stessa è la verità. Con la fede, l’uomo si abbandona a Dio liberamente. Il discepolo non deve solo custodirla ma anche professarla. La speranza è la virtù teologale per la quale desideriamo il regno dei cieli e la vita eterna come nostra felicità, appoggiandoci non sulle nostre forze ma sull’aiuto della grazia dello Spirito Santo. La speranza cristiana si sviluppa nell’annuncio delle beatitudini, che elevano la nostra speranza verso il cielo. La carità è la virtù teologale per la quale amiamo Dio sopra ogni cosa per se stesso, e il nostro prossimo come noi stessi per amore di Dio.

 

I sette doni dello Spirito Santo: sorreggono la vita morale e sono: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà, timore di Dio.

 

Il peccato: è una mancanza contro la ragione, la verità, la retta coscienza; è una trasgressione verso Dio e verso il prossimo, a causa di un perverso attaccamento a certi beni. Distinguiamo due tipi. Il peccato mortale distoglie l’uomo da Dio, preferendo a Lui un bene inferiore; il peccato veniale lascia sussistere la carità quantunque la offenda. Il peccato mortale richiede una nuova iniziativa della misericordia di Dio attraverso la riconciliazione sacramentale. Il peccato grave presuppone materia grave (10 comandamenti) piena consapevolezza contro la legge di Dio e deliberato consenso, cioè libera scelta personale. L’ignoranza involontaria può attenuare se non annullare l’imputabilità. “… ma la bestemmia contro lo Spirito Santo non sarà perdonata” (Mt 12,31): chi respinge la salvezza offerta dallo Spirito Santo va incontro alla perdizione eterna.

 

I vizi, contrario delle virtù, possono essere capitali perché generano altri peccati. Sono superbia, avarizia, invidia, ira, lussuria, golosità, pigrizia o accidia. I peccati che invece gridano al cospetto di Dio sono il sangue di Abele (innocente), il peccato dei Sodomiti (perversioni sessuali), lamento del popolo oppresso (in Egitto), il lamento del forestiero, della vedova e dell’orfano (gli indifesi perché senza diritto), l’ingiustizia verso il salariato. Il peccato è un atto personale, ma abbiamo responsabilità grave quando vi cooperiamo direttamente o volontariamente, consigliandoli o approvandoli, non impedendoli o proteggendo chi li compie. Così il peccato rende complici e si creano quelle strutture di peccato che inducono le vittime a commettere a loro volta il male.

 

 

 

 

 

Articoli Recenti:

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

QUARTO MANUALE di preghiera

QUARTO MANUALE

Delegati e responsabili Cenacoli Assisi 2019

Delegati e responsabili Cenacoli Assisi 2019
Diretta VideoDiretta Video:
Vedi a tutto schermo »

Messaggi:

Messaggio, 25. giugno 2020

Cari figli! Ascolto le vostre suppliche e preghiere ed intercedo per voi presso mio Figlio Gesù che è via, verità e vita. Figlioli, ritornate alla preghiera e aprite i vostri cuori in questo tempo di grazia ed incamminatevi sulla via della conversione. La vostra vita è passeggera e non ha senso senza Dio. Perciò sono con voi per guidarvi verso la santità della vita affinchè ciascuno di voi scopra la gioia di vivere. Figlioli, vi amo tutti e vi benedico con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

continua »

Messaggio, 25. maggio 2020

Cari figli! Pregate con Me per la vita nuova di tutti voi. Figlioli, nei vostri cuori sapete cosa deve cambiare: ritornate a Dio ed ai Suoi Comandamenti affinché lo Spirito Santo possa cambiare le vostre vite ed il volto di questa terra, che ha bisogno del rinnovamento nello Spirito. Figlioli, siate preghiera per tutti coloro che non pregano, siate gioia per tutti coloro che non vedono una via d'uscita, siate portatori della luce nelle tenebre di questo tempo inquieto. Pregate e chiedete l'aiuto e la protezione dei santi affinché anche voi possiate bramare il cielo e le realtà celesti. Io sono con voi e vi proteggo e vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

continua »
Catechesi  preparata da p. Francesco e proposta nell'imminenza della Santa Pasqua come aiuto per accostarsi con fiducia al Sacramento della Riconciliazione per invocare e accogliere la Misericordia del Padre.
DIECI ANNI di CAMMINO - In questo video una panoramica sui dieci anni di cammino della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace, attraverso frammenti dei Convegni e delle Giornate Mariane di preghiera a lode di Dio e della Madre Santissima.
P. Francesco, il fondatore, racconta la genesi e la spitualità  degli "Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace".