Apostoli della Divina Misericordia

Sito della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace O.N.L.U.S.

facebook

Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace

SINTESI CCC - SCHEDA 2_5

L'Unzione degli infermi
Scarica il testo 

 

SINTESI CATECHISMO della CHIESA CATTOLICA

PARTE SECONDA "L'ECONOMIA SACRAMENTALE".


SCHEDA 2_5 = L’UNZIONE DEGLI INFERMI

 

«Con la sacra unzione degli infermi e la preghiera dei presbiteri, tutta la Chiesa raccomanda gli ammalati al Signore sofferente e glorificato, perché alleggerisca le loro pene e li salvi.

 

La malattia nella vita umana: La malattia può condurre all'angoscia, talvolta persino alla disperazione e alla ribellione contro Dio. Ma essa può anche rendere la persona più matura.

Il malato di fronte a Dio: L'uomo dell'Antico Testamento vive la malattia di fronte a Dio. E' davanti a Dio che egli versa le sue lacrime sulla propria malattia. La malattia diventa cammino di conversione e il perdono di Dio dà inizio alla guarigione.

Cristo – medico: La compassione di Cristo verso i malati e le sue numerose guarigioni sono un chiaro segno che il regno di Dio è vicino. Spesso Gesù chiede ai malati di credere. Si serve di segni per guarire: saliva e imposizione delle mani, fango e abluzione. Commosso da tante sofferenze, Cristo non soltanto si lascia toccare dai malati, ma fa sue le loro miserie. Con la sua passione e la sua morte sulla Croce, Cristo ha dato un senso nuovo alla sofferenza: essa può ormai configurarci a lui e unirci alla sua passione redentrice.

Guarite gli infermi …: Lo Spirito Santo dona ad alcuni un carisma speciale di guarigione per manifestare la forza della grazia del Risorto. La Chiesa apostolica conosce tuttavia un rito specifico in favore degli infermi, attestato da san Giacomo: «Chi è malato, chiami a sé i presbiteri della Chiesa e preghino su di lui, dopo averlo unto con olio, nel nome del Signore. E la preghiera fatta con fede salverà il malato: il Signore lo rialzerà e, se ha commesso peccati, gli saranno perdonati» (Gc 5,14-15). La Tradizione ha riconosciuto in questo rito uno dei sette sacramenti della Chiesa[1].

 

Il sacramento: La Chiesa crede e professa che esiste, tra i sette sacramenti, uno destinato in modo speciale a confortare coloro che sono provati dalla malattia: Il sacramento dell'Unzione degli infermi viene conferito ai malati in grave pericolo, ungendoli sulla fronte e sulle mani con olio debitamente benedetto - olio di oliva o altro olio vegetale – dicendo una sola volta: «Per questa santa unzione e per la sua piissima misericordia ti aiuti il Signore con la grazia dello Spirito Santo, e liberandoti dai peccati, ti salvi e nella sua bontà ti sollevi».

 

Chi riceve e amministra il sacramento: L'Unzione degli infermi «non è il sacramento di coloro soltanto che sono in fin di vita. Perciò il tempo opportuno per riceverla si ha certamente già quando il fedele, per malattia o per vecchiaia, incomincia ad essere in pericolo di morte». Nel corso della stessa malattia il sacramento può essere ripetuto se si verifica un peggioramento. E' opportuno ricevere l'Unzione degli infermi prima di un intervento chirurgico rischioso. Soltanto i sacerdoti (vescovi e presbiteri) sono i ministri dell'Unzione degli infermi.

 

Come si celebra: è una celebrazione liturgica. La celebrazione può essere preceduto dal sacramento della Penitenza e seguito da quello dell’Eucaristia, in quanto l’eucaristia rappresenta il “viatico” per la vita eterna. Nella celebrazione, si impongono le mani pregando sui malati, poi l’unzione.

 

Effetti: dono particolare dello S. Santo: conforto, per portare la guarigione dell’anima e del corpo; unione alla passione di Cristo: la sofferenza diventa partecipe dell’opera redentrice di Cristo; grazia ecclesiale: la Chiesa, nella comunione dei santi, prega per il bene del malato. E l’infermo, a sua volta, per la grazia del sacramento, contribuisce alla santificazione della Chiesa; preparazione all’ultimo passaggio: completa le sante unzioni, dopo il battesimo e la confermazione … quest’ultima unzione offre alla fine della nostra esistenza una “protezione” per l’ultimo passaggio alla vita eterna.

 

Viatico: A coloro che stanno per lasciare questa vita, la Chiesa offre l'Eucaristia come viatico. E' seme di vita eterna e potenza di risurrezione, secondo le parole del Signore: «Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno» (Gv 6,54).  Come i sacramenti del Battesimo, della Confermazione e dell'Eucaristia costituiscono «i sacramenti dell'iniziazione cristiana», la Sacra Unzione e l'Eucaristia costituiscono i sacramenti che concludono il pellegrinaggio terreno.


 


[1] CCC 1510

Articoli Recenti:

Giornalino Dicembre 2020

Giornalino Dicembre 2020

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

QUARTO MANUALE di preghiera

QUARTO MANUALE
Diretta VideoDiretta Video:
Vedi a tutto schermo »

Messaggi:

Messaggio, 25. ottobre 2021

''Cari figli! Ritornate alla preghiera perché chi prega non ha paura del futuro. Chi prega è aperto alla vita e rispetta la vita degli altri. Chi prega, figlioli, sente la libertà dei figli di Dio e con cuore gioioso serve per il bene dell'uomo fratello. Perché Dio è amore e libertà. Perciò, figlioli, quando vogliono mettervi delle catene e usarvi questo non viene da Dio perché Dio è amore e dona la Sua pace ad ogni creatura. Perciò mi ha mandato per aiutarvi a crescere sulla via della santità. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.''

continua »

Messaggio, 25. settembre 2021

''Cari figli! Pregate, testimoniate e gioite con me perché l'Altissimo mi manda ancora per guidarvi sulla via della santità. Siate coscienti, figlioli, che la vostra vita è breve e l'eternità vi aspetta affinché con tutti i santi glorifichiate Dio con il vostro essere. Non preoccupatevi, figlioli, per le cose terrene ma anelate al Cielo. Il Cielo sarà la vostra meta e la gioia regnerà nel vostro cuore. Sono con voi e vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.''

continua »
Catechesi  preparata da p. Francesco e proposta nell'imminenza della Santa Pasqua come aiuto per accostarsi con fiducia al Sacramento della Riconciliazione per invocare e accogliere la Misericordia del Padre.
DIECI ANNI di CAMMINO - In questo video una panoramica sui dieci anni di cammino della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace, attraverso frammenti dei Convegni e delle Giornate Mariane di preghiera a lode di Dio e della Madre Santissima.
P. Francesco, il fondatore, racconta la genesi e la spitualità  degli "Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace".