Apostoli della Divina Misericordia

Sito della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace O.N.L.U.S.

facebook

Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace

La lotta silenziosa delle bambine

2 novembre 2012

In tutto il mondo la lotta silenziosa
delle bambine


(Anche la Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace, in Brasile si prende cura di quasi novanta bambine che cerca di salvare dalla degradazione e dallo sfruttamento. ndr)

Quando, qualche giorno fa, nella Swat Valley pachistana alcuni estremisti islamici hanno sparato alla quattordicenne Malala Yousafzai per punire la sua battaglia in favore dell’istruzione femminile, è stato come se, per una volta, la voce di tante «bambine invisibili» costrette in tutto il mondo a fronteggiare sfide più grandi di loro fosse emersa dal silenzio come un campanello d’allarme per la coscienza collettiva. Succede raramente. Al di là di qualche mobilitazione episodica (e spesso un po’ superficiale), non ci capita facilmente di realizzare la portata, numerica e culturale, dei tanti fronti su cui ancora si sta combattendo una sorta di guerra globale alle bambine.
Feticidi e infanticidi su base sessuale, emarginazione scolastica e sociale, ma anche matrimoni precocissimi o baby prostituzione sono drammi che non hanno i confini geografici e culturali entro cui saremmo portati a rinchiuderli. Perché se è vero, ad esempio, che «in India l’uso dell’aborto per la selezione sessuale, anche se illegale dal 1994, sta causando una grave carenza di ragazze» per cui si calcola che «entro il 2030 ci saranno il 20% delle donne in meno rispetto agli uomini», è altrettanto innegabile che le strade dei nostri civilissimi Paesi europei è battuta da schiere di prostitute minorenni.

A raccontarlo è la giornalista Laura Badaracchi, che nel suo libro Nate invisibili (edizioni Paoline, pagine 144, euro 13,50) delinea un quadro delle principali forme di discriminazione e abusi che, a terzo millennio inoltrato, continuano a essere subiti dalle bimbe, con accenti più tragici in alcune parti del mondo: dalle ragazzine soldato di varie zone dell’Africa fino alle lavoratrici in miniatura o alle mamme bambine che rappresentano la norma in certe regioni in via di sviluppo. L’autrice snocciola dati e rapporti su fenomeni che «non sono, purtroppo, residuali o in via d’estinzione» ma tenta anche, attraverso le voci di alcune piccole protagoniste, di «entrare nel cuore dei problemi, per cercare di indagarne le cause, dissotterrando le loro radici profonde e quasi ancestrali». Leggiamo così storie di abusi e ingiustizie, ma anche tante vicende di riscatto e rinascita, personale o collettiva. Alcune riguardano ragazze-coraggio nascoste, come Meena, nata in un villaggio nepalese con una malformazione alla colonna vertebrale e rifiutata dalla sua famiglia, che con incredibile determinazione si è istruita da autodidatta e oggi è la responsabile di un progetto per i diritti delle donne disabili del suo Paese. Altre sono personaggi ormai diventati un simbolo di liberazione, come la ex bimba soldato ugandese China Keitetsi, che ha fondato un’associazione per aiutare i ragazzi obbligati a imbracciare le armi, o l’afghana Malalai Joya, che dopo un’infanzia sotto i talebani è entrata, a 25 anni, tra gli scranni del parlamento.

Ma anche i nostri, di parlamenti, sono chiamati ad attivarsi su alcuni fronti urgenti, basti citare i casi di matrimoni forzati, in aumento in Europa: il governo inglese ne stima tra i 5.000 e gli 8.000 all’anno, in Francia si arriva addirittura a parlare di 60 mila vittime l’anno. E se fenomeni come le nozze combinate o le mutilazioni genitali femminili riguardano le comunità immigrate, i dati allarmanti sulle violenze domestiche ai danni delle italiane sono lì a ricordarci che, nemmeno qui, chi nasce bimba è davvero al sicuro.

Chiara Zappa

 

 

 

 

 

 

Articoli Recenti:

Giornalino Dicembre 2020

Giornalino Dicembre 2020

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

S. MARIA degli ANGELI 21-22-23 febb. 2020

QUARTO MANUALE di preghiera

QUARTO MANUALE
Diretta VideoDiretta Video:
Vedi a tutto schermo »

Messaggi:

Messaggio, 25. ottobre 2021

''Cari figli! Ritornate alla preghiera perché chi prega non ha paura del futuro. Chi prega è aperto alla vita e rispetta la vita degli altri. Chi prega, figlioli, sente la libertà dei figli di Dio e con cuore gioioso serve per il bene dell'uomo fratello. Perché Dio è amore e libertà. Perciò, figlioli, quando vogliono mettervi delle catene e usarvi questo non viene da Dio perché Dio è amore e dona la Sua pace ad ogni creatura. Perciò mi ha mandato per aiutarvi a crescere sulla via della santità. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.''

continua »

Messaggio, 25. settembre 2021

''Cari figli! Pregate, testimoniate e gioite con me perché l'Altissimo mi manda ancora per guidarvi sulla via della santità. Siate coscienti, figlioli, che la vostra vita è breve e l'eternità vi aspetta affinché con tutti i santi glorifichiate Dio con il vostro essere. Non preoccupatevi, figlioli, per le cose terrene ma anelate al Cielo. Il Cielo sarà la vostra meta e la gioia regnerà nel vostro cuore. Sono con voi e vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.''

continua »
Catechesi  preparata da p. Francesco e proposta nell'imminenza della Santa Pasqua come aiuto per accostarsi con fiducia al Sacramento della Riconciliazione per invocare e accogliere la Misericordia del Padre.
DIECI ANNI di CAMMINO - In questo video una panoramica sui dieci anni di cammino della Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace, attraverso frammenti dei Convegni e delle Giornate Mariane di preghiera a lode di Dio e della Madre Santissima.
P. Francesco, il fondatore, racconta la genesi e la spitualità  degli "Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della pace".